-CAPIRE GLI INTERESSI CAPITALISTICI IN GIOCO-

 

BIDEN O TRUMP?

ENTRAMBI PERSEGUONO GLI INTERESSI DELL’IMPERIALISMO AMERICANO

 

 LO SCONTRO TRA I DUE CONTENDENTI NON E’ SUGLI INTERESSI DEILAVORATORI, MA COME SEMPRE (e come risalta “WELT”) QUALE POLITICA DEVONO PERSEGUIRE PER FAVORIRE GLI INTERESSI DEI GRANDI CAPITALISTI AMERICANI

 

 

Come da sempre affermiamo, non esistono presidenti o governi capitalistici “migliori” o “peggiori”. Tutti sono al servizio dei ricchi capitalisti.  Certamente usano tattiche e metodi diversi nel loro operato. Ma, in altre parole, ogni governo, ogni presidente ha un suo metodo, un suo proprio criterio per convincere i lavoratori sfruttati affinché stiano calmi, ed accettino il sistema borghese strapieno di contraddizioni e porcherie.

Facciamo degli esempi riguardanti l’operatività dei vari presidenti americani “bravi” o “cattivi” in rapporto alle guerre condotte dall’America.

 

-              Trump: nel concetto collettivo viene considerato un “cattivo”, perché ha imposto duri dazi alla Cina, minaccia di imporli anche all’Europa e ha introdotto due sanzioni contro l’Iran, Russia e vuole destabilizzare il Venezuela.

-             Ma del presidente Obama, considerato invece il “buono”, forse non tutti hanno presente che ha fomentato, finanziato e poi armato la guerra civile in Siria nel 2011 finchè poi non è esplosa, con l’intenzione di abbattere il regime di Assad, appartenente allo schieramento capitalista Russia-Cina opposto agli americani e agli occidentali.

-             E’ invece poi a tutti noto che il “cattivo” presidente George Bush (figlio) ha iniziato nel 2001 prima la guerra in Afghanistan, e poi nel 2003  quella in Iraq.   

-          Ma meno noto è che il presidente “buono”  Bill Clinton nel 1993 ha inviato truppe americane nella guerra in Somalia che dopo essere state massacrate sono state ritirate. Che nel 1998 ha mandato gli aerei a bombardare la Jugoslavia e che sempre nel 1998 ha intrapreso la guerra del Kosovo.

-        Riguardante il “cattivo” presidente George Bush (padre) tutti sanno invece che è responsabile della “prima guerra irakena” del 1990 facendo invadere l’Iraq dalle truppe USA, e che prima nel 1989 aveva fatto invadere lo stato centroamericano di Panama, conquistandolo. 

 

… e così  si potrebbe andare avanti all’infinito con gli altri presidenti americani Regan, Carter, ecc.

 

E’ quindi evidente: non esiste nessuna differenza tra presidenti definiti “buoni” o altri chiamati “cattivi”. Tutti hanno fatto (e fanno) le stesse cose, anche se nell’immaginario collettivo e dalla stampa vengono dipinti come “diversi” tra di loro. Nel loro comportamento è chiaro, cambia solo la casacca di partito a cui appartengono. Nel caso dell’espansionismo, tutti hanno condotto guerre, facendo uccidere e massacrare migliaia, centinaia di migliaia di persone. Ma qual è lo scopo? Non certo sviluppare civilmente l’umanità. E non certo per i lavoratori  (che non hanno patria). Ma sempre con l’obbiettivo di favorire l’interesse dei guadagni dei grandi capitalisti.

Il definirsi di “destra” o di “sinistra”, repubblicani” o “democratici”, “conservatori” o “progressisti”, “cattivi” o “buoni” è solo un trucco, un inganno borghese. E’ un trucco che tutti i partiti in tutte le nazioni usano per confondere i lavoratori, per imbrogliarli e distoglierli dai loro veri problemi e interessi.

Anche dal punto di vista della difesa del tenore di vita in USA per le masse lavoratrici non esiste e non si nota alcuna differenza tra le Amministrazioni americane condotte da presidenti “progressisti” o “conservatori”, “buoni” o “cattivi”, “democratici” o “repubblicani”. Nel susseguirsi delle varie Amministrazioni, dei vari presidenti, i lavoratori hanno sempre dovuto lottare e scioperare duramente e con determinazione se hanno voluto mantenere un certo livello di vita dignitoso. 

Venendo ai giorni nostri, riguardante la “diversità” politica condotta dalle due ultime amministrazioni: Obama e Trump, vogliamo segnalare: la tattica di Obama (adesso riproposta anche da Joe Biden - come soprariportato da “WELT”) di creare grandi aggregazioni internazionali (Ttip, TPP, NAFTA ) o la politica di Trump di attacco diretto ai concorrenti con l’introduzione di dazi o inasprimento di sanzioni: entrambe le politiche Obama-Trump hanno lo stesso scopo di perseguire l’identico obiettivo: tentare di isolare le rivali emergenti Cina e Russia e i loro alleati (Iran, Siria, Venezuela, ecc) così da favorire, come detto, gli interessi dei capitalisti e banchieri americani sul mercato internazionale.

Riguardo poi la riforma sanitaria introdotta dalla precedente Amministrazione Obama e smantellata adesso  da Trump, è da precisare che Obama l’aveva introdotta per esaudire la richiesta pressante espressa da decenni da alcuni grandi gruppi industrial-bancari Usa, con lo scopo di tener calme le tensioni sociali di equilibrio capitalista nella grande società statunitense.

 

Non lasciarsi mai quindi ingannare dalle facili parole, ma guardare sempre alla sostanza.

 

 

VITTORIA BIDEN:

QUALE SARA’ ADESSO LA SUA POLITICA?

POLITICA INTERNA – POLITICA ESTERA

 

 

 

 

Durante la campagna elettorale i giornali riportavano che se Biden avesse vinto, la sua politica sarebbe stata nella continuazione della precedente Amministrazione Obama. Molto verosimile. Visto che Biden è stato vicepresidente di Obama dal 2009 al 2017 e ne ha condiviso tutta l’impostazione politica. Ma non solo per questo. Anche perchè, a nostro avviso, la campagna elettorale che ha portato alla vittoria Biden, dietro le quinte è stata impostata e diretta dallo stesso ex presidente Obama, il quale per far vincere Biden ha potuto contare sulla sua notevole esperienza avendo già vinto per due volte le campagne presidenziali.

Quindi è alla precedente gestione Obama a cui dobbiamo guardare per capire come si proporrà adesso il nuovo presidente. Su questa impostazione perciò in sintesi riprendiamo quelli che riteniamo essere i gangli fondamentali di Biden.         

 

POLITICA INTERNA

 

PANDEMIA COVID – Più volte Biden, criticando aspramente Trump, si è espresso per un contrasto dell’infezione sul tipo europeo. Ossia, invece di lasciare che l’infezione dilaghi come permesso da Trump e lasciare che siano i singoli stati USA a gestire le pericolose situazioni locali, arrivando all’attuale situazione catastrofica di 240.000 morti, Biden vuole che siano messi in atto provvedimenti, come quelli attuati negli stati europei, e che sia il governo centrale a dettarne le misure generali, e molto restrittive.

RIFORMA SANITARIA – E’ stata introdotta dalla precedente Amministrazione Obama-Biden e poi, come noto, disdetta platealmente da Trump. Riforma sanitaria voluta per statalizzare una parte del settore medico-assistenziale. Statalizzazione richiesta da decenni da molti gruppi industrial-finanziari americani perché il costo della sanità privata in USA è diventata (ovviamente per loro) troppo costosa. Biden stando ai giornali, reintrodurrebbe la riforma sanitaria iniziata da Obama portando a compimento la parte da nazionalizzare.

SITUAZIONE POLITICA-SOCIALE INTERNA – Mentre Trump ha basato tutta la sua politica sul razzismo e sull’esasperazione dell’ordine pubblico interno, proiettando tutto il suo operato contro gli immigrati che giungono negli Stati Uniti, soprattutto dal Messico (la tattica politica razzista è usata da molti partiti di destra nel mondo, per prendere i voti dall’ampio settore di persone religiose con sentimento radical-nazionalista) favorendo e perfino incitando alla spaccatura nel paese tra razzisti e antirazzisti, la politica liberal di Biden si profila essere orientata invece più alla tolleranza verso l’immigrazione, favorendo l’integrazione sociale delle minoranze, contro le discriminazioni e invitando all’unità nazionale.

 

POLITICA ESTERA

 

GLI USA IN RAPPORTO CON CINA E RUSSIA – Qui  oggi l’ossessione-pericolo dei capitalisti americani (che dietro le quinte dirigono i vari presidenti USA) è l’emergere del colosso imperialistico cinese, destinato a breve a diventare ufficialmente la prima potenza economica mondiale. Già l’Amministrazione Obama (naturalmente, lo sottolineiamo, nell’interesse dei capitalisti USA) aveva intrapreso misure internazionali per isolare il futuro pericoloso concorrente asiatico. Le aggregazioni sovranazionali TPP (Trans-Pacific Partnership – accordo commerciale tra 12 paesi che si affacciano sul Pacifico: Stati Uniti, Canada, Messico, Giappone, Australia, Malesia, Nuova Zelanda, Singapore, Vietnam, Brunei, Cile, Perù)  e il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership – accordo commerciale di libero scambio tra Europa e America)   promosse e costituite proprio da Obama con il suo vice Biden, erano state pensate con il preciso scopo di favorire l’integrazione e gli affari tra le nazioni-borghesie affacciate sul Pacifico e sull’Atlantico proprio per contrastare e isolare la Cina e suoi alleati Russia, Iran, ecc. La politica di Trump è stata invece di sciogliere queste aggregazioni internazionali pro America TPP e TTIP, secondo lui poco efficaci per lo scopo, e di attaccare direttamente Cina, Russia, Iran, Venezuela, Siria, Corea del Nord, con le note dure sanzioni economiche, gli alti dazi doganali e tenendo molto basso il prezzo del petrolio.  Biden, come sottolinea la stampa, sarebbe orientato a ripristinare queste aggregazioni TPP e TTIP e proseguire sulla via di politica estera intrapresa da Obama, in questa battaglia interimperialista contro Cina-Russia e alleati .

 

RIFLESSIONI 

Non c’è quindi da farsi illusioni che adesso l’apparente “agnello” Biden sostituendo il “mostro” Trump, sarà dalla parte dei lavoratori (così come non lo sono mai state tutte le Amministrazioni precedenti). La politica “liberal” di Biden è solo una tattica per tener calme le masse sfruttate (vogliamo ricordare al lettore che se il “matto” Trump ha causato con il Covid gli attuali 240.000 morti, la precedente Amministrazione “liberal” Obama-Biden – 2009-2017 - ha provocato le guerre di Siria e Libia, causando nell’insieme più di un milione di morti, per lo più civili).

In linea con Marx e sorretti dalle continue conferme pratiche quotidiane, affermiamo e ripetiamo all’infinito che i governi, tutti, sono gli esecutori degli interessi dei capitalisti e non delle masse proletarie che li hanno votati (i votanti non possono assolutamente controllare i governi che hanno votato). Nella democrazia capitalista il compito dei politici è far accettare e digerire alle masse proletarie sfruttate – con la scusa di essere stati votati da esse - tutte le porcherie capitalistiche che la minoranza borghese, all’interno delle proprie nazioni e in giro per il mondo, provoca. Così sarà anche, senza dubbio, per la nuova Amministrazione Biden.  

 


 

______________________________________________________________________________________________________________

 

 

 

- LE MENZOGNE DEI POLITICI-

 

Infezione Covid 19: gestione catastrofica in USA

TRUMP CERCA DIVERSIVI PER SVIARE LE SUE COLPE  E NON PERDERE LE ELEZIONI A NOVEMBRE

 

COME DIVERSIVI TRUMP: prima  accusa la CINA DI NON AVER AVVISATO DEL PERICOLO - poi accusa IL LABORATORIO DI WUHAN ESSERE RESPONSABILE DELL’INFEZIONE – poi dichiara l’OMS di IMBROGLIARE - poi dichiara USO DEL FARMACO “Remdesivir” FENOMENALE – poi dichiara LO SCANDALO OBAMAGATE e adesso inscena la chiusura del consolato di Houston.

 

 

    26 luglio 2020

 

Le accuse contro Trump per la gestione catastrofica contro l’infezione Covid 19 montano in USA come un terremoto. Trump è in estrema difficoltà perché si rende conto seriamente che può perdere le prossime elezioni presidenziali in novembre. Infatti negli ultimi sondaggi di preferenza nell’ultimo mese il Tycoon è crollato di molti punti sotto il suo rivale democratico Joe Biden e la situazione sembra peggiorare costantemente.

Come abbiamo già evidenziato, Trump per non danneggiare i guadagni agli industriali americani chiudendo le fabbriche all’arrivo dell’infezione Coronavirus in USA, ha voluto di proposito sottovalutare il pericolo del contagio Covid 19 quando ancora imperversava in Europa e in Asia. Il presidente americano avrebbe potuto facilmente già da subito all’arrivo prendere le giuste e necessarie misure restrittive affinchè il contagio non si diffondesse anche negli Usa, chiudendo frontiere, attuando seri controlli a tappeto, vietare gli assembramenti, i contatti ravvicinati, le riunioni, ecc.

Ma far questo, come detto, significava danneggiare l’economia Usa, cioè gli affari dei facoltosi capitalisti americani che lo sostengono. E Trump facendo il bullo sperava che l’infezione si sarebbe da sola con il tempo scemata. In quest’ottica perciò il Tycoon newyorchese già in febbraio sosteneva di aver la situazione sotto controllo, che con il caldo il Covid sarebbe sparito, di star calmi perchè non esisteva nessun pericolo per l’America da lui diretta. La realtà si è dimostrata però poi, com’è noto, ben diversa e catastrofica come da lui preventivato.

Perciò Trump, causa la sua gestione disastrosa e le sue continue menzogne da politico, la sua arroganza e le sue ottusità, è diventato facile bersaglio politico, barzelletta dei suoi oppositori e dei Democratici. E la vittoria elettorale che già per Trump il prossimo novembre si profilava e che il Tycoon già pregustava, sta velocemente svanendo. E questo fa infuriare il focoso e impetuoso multimiliardario newyorchese. 

E’ così che Trump con il suo staff e consiglieri, per cercare di rialzare le preferenze nei sondaggi, com’è norma nella politica borghese, cerca di scaricare le sue colpe su altri, diffamare  gli oppositori, ecc. Si  è inventato diversivi (tipo: responsabilità che lui non ha, scandali, lancia improperi a sinistra e a destra, ecc.) per distogliere l’attenzione dalle sue colpe sperando che la gente parli d’altro e poi lo voti.

Diversivi e grottesche scuse che diventano ridicole, goffe, assurde. Come dichiarare che Pechino non aveva avvisato l’America della gravità e pericolosità dell’infezione (quando in realtà Trump il pericolo lo poteva già vedere ultra chiaramente mesi prima che arrivasse in America, dove già in Europa e Asia il Covid imperversava). Oppure che il virus è stato prodotto a posta nel laboratorio dell’OMS a Wuhan in Cina e poi lasciato circolare nel mondo di proposito per colpire le economie occidentali e soprattutto gli Stati Uniti. Aggiungendo grottescamente di avere anche le prove di questo, prove che però non ha mai esibito. In secondo momento ha autorizzato, con grande eco e pubblicità nazionale, l’uso massiccio del farmaco antiebola “Remdesivir”, presentandolo essere la cura definitiva contro l’infezione. Cosa ovviamente non dimostrata. Infatti anche dopo l’uso del farmaco il contagio si è diffuso costantemente come prima. L’ultima trovata, l’ultimo diversivo, sarebbe l’Obamagate. Definito da Trump e dal suo staff come “il più grosso e schifoso scandalo negli USA dal dopoguerra”. Il caso consiste nel fatto che nel 2017 durante la campagna elettorale presidenziale, l’allora presidente Obama per ostacolare Trump alla presidenza e favorire Hillary Clinton, avrebbe inscenato il Russiagate. Sostenendo che i russi si sarebbero intromessi nella campagna elettorale per favorire l’elezione di Trump. Atto che recentemente l’alto tribunale USA ha definito totalmente infondato. Quindi Trump grida adesso allo schifoso scandalo e cerca di utilizzarlo  nell’attuale campagna elettorale. E adesso come ultimo atto inscena la chiusura del consolato di Houston.

Oltre che causare morti, disastri sanitari ed economici, il Covid 19 infiamma anche la campagna elettorale negli Stati Uniti in vista dell’elezione in novembre del prossimo presidente.

Il furioso Trump, servitore (come tutti i governi) degli industriali e dell’alta finanza, è in forte difficoltà di consensi e tuona contro tutti. I democratici sfruttano l’occasione inaspettata per sostituire Trump, accedere al governo, ed essere essi stessi a servire i ricchi capitalisti e finanzieri statunitensi.

 

Tutto questo, naturalmente, non ha niente a che fare con i problemi e gli interessi delle masse dei lavoratori salariati. Che sempre e comunque, sotto un governo o un altro, saranno sempre sottomessi, oppressi, sfruttati e spolpati.

-AVER CHIARO I TRUCCHI DELLE CAMPAGNE ELETTORALI-

 

Bernie Sanders:

PER FINTA DALLA PARTE

DEI LAVORATORI SOLO

PER RACCOGLIERE VOTI 

IN REALTA’ DALLA PARTE DEI CAPITALISTI

 

ANCHE OGGI, COME NELLE ELEZIONI USA DEL 2016, DOVE SANDERS DOPO UNA FINTA COMPETIZIONE CONTRO HILLARY CLINTON ALLA FINE HA INDICATO DI VOTARE PER LEI, IL FINTO “SOCIALISTA” SANDERS PRIMA FA FINTA DI COMPETERE CONTRO JOE BIDEN E POI LO APPOGGIA. E’ TUTTO UN TRUCCO ELETTORALE.

 

 

 

6 luglio 2020

 

MOLTI  PARTITI (come l’SPD con Jusos) USANO LA TATTICA DURANTE LE ELEZIONI DI PRESENTARE CANDIDATI RADICALI DI SINISTRA CHE SI PONGONO PER FINTA CONTRO I RICCHI PROMETTENDO AI LAVORATORI E AI GIOVANI PIU’ GIUSTIZIA SOCIALE,  COSI’ DA RACCOGLIERE I LORO VOTI. MA IN REALTA’ E’ SOLO UNA SCENEGGIATA ELETTORALE, TUTTI I CANDIDATI SONO POI AL SERVIZIO DEI CAPITALISTI.

 

 

LA SCENEGGIATA DI SANDERS

 

Come marxisti siamo del parere che al candidato democratico Bernard (Bernie) Sanders dei problemi e degli interessi dei lavoratori non gliene importi assolutamente nulla. Però il Partito Democratico ha bisogno di voti per vincere le elezioni. E soprattutto ha bisogno dei molti milioni di voti che i salariati e i giovani possono portare se vengono convinti che la politica del Partito Democratico è protesa a perseguire e difendere anche i loro interessi. Quindi in campagna elettorale il Partito Democratico ha bisogno, oltre che di candidati di centro e di destra che raccolgano voti in questi aree, anche di candidati finti radicali di sinistra, che fingendo di essere dalla parte delle masse lavoratrici promettano, promettano, promettano. E candidati come Bernie Sanders sono particolarmente adatti per questo tipo di ruolo: criticare duramente il sistema e il suo establishment (di cui anche Bernie fa parte – è stato sindaco di Burlington ed è attualmente senatore) criticando le disfunzioni e le corruzioni - che nel capitalismo copiose non mancano mai, così da inebriare i lavoratori e i giovani. Per apparire e farsi passare da radicale di sinistra contro il sistema. E con questa tattica conquistare la fiducia delle masse sfruttate e giovanili. Con lo scopo finale opportunista di portare tutti a “votare” il candidato che emergerà ufficiale per il Partito Democratico, che guarda caso in USA nella scorsa tornata elettorale del 2016 era proprio la candidata della “destra” del Partito Democratico Hillary Clinton. E oggi è il membro dell’establishment Joe Biden. E il compito e la sceneggiata di Bernie Sanders finisce li.  

 

L’analisi marxista dimostra da sempre che per i lavoratori le elezioni sono tutta una farsa sapientemente usata per poi meglio sfruttarli. Un’illusione per carpirne la fiducia. In realtà produce politici eletti, che sempre sono al servizio dei ricchi capitalisti, anche se lo negano energicamente e inscenano le finte rabbiose critiche al sistema o le finte liti dai banchi dell’opposizione.

Quello che come marxisti ci meraviglia invece è che esistano organizzazioni “marxiste” o “trotzkiste” che diano fiducia a Bernie Sanders. Che si lascino trascinare nel tranello accettando che lui veramente sia di sinistra dalla parte dei lavoratori e si adoperi per loro. Ci sorprende che queste organizzazioni “marxiste”, “trotzkiste” non si accorgano del “trucchetto” borghese elettorale e lo sostengano come candidato. Perché questo delle elezioni è uno stratagemma vecchio come il capitalismo e Marx è sempre stato chiaro al riguardo definendolo “cretinismo parlamentare”, mettendo sull’avviso di non lasciarsi manipolare, infinocchiare.

La realtà dei fatti ci insegna che non esistono politici borghesi “buoni” o “migliori” da sostenere, e altri “cattivi”  o “peggiori” da combattere, come alcune di queste organizzazioni “marxiste” o “trotzkiste” sostengono. Perché ogni politico o partito della borghesia usa un suo proprio metodo per convincere i lavoratori ad accettare il sistema. Ed è noto e famoso il metodo “del bastone o della carota” che usano per arrivare ai loro scopi di convincimento. Con il fine, sempre quello: ottenere, a seconda delle situazioni, il massimo di consenso al capitalismo.  

Tutt’altro invece è il compito delle organizzazioni marxiste. E’ organizzare le lotte contro il sistema e mettersi alla testa di esse. Il compito delle nostre organizzazioni rivoluzionarie è spiegare chiaramente ai lavoratori il funzionamento del corrotto sistema capitalistico, i trucchetti che usa, lo sfruttamento e le guerre che esso persegue. 

 

Ottimo sarebbe che le organizzazioni marxiste, mantenendo tutte le proprie particolarità e integrità, si unissero, si coordinassero tra di loro. Per assieme porsi alla guida delle lotte, delle proteste. A livello continentale certo, ma a livello globale ancora meglio.


 

________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 

AFERRARE BENE COME FUNZIONA IL SISTEMA CAPITALISTICO

 

DISASTRO COVID-19 IN AMERICA:

PERCHE’ TRUMP NON VUOLE SVANTAGGIARE I PROFITTI

DEGLI INDUSTRIALI USA

 

TRUMP NON HA DA SUBITO PRESO LE NECESSRIE MISURE RESTRITTIVE PER NON FAR PERDERE PROFITTI AI PADRONI 

 

Washington Post:

«Trump chiese a Fauci perché "non lasciamo inondare

gli Stati Uniti dal coronavirus?"»    (“la Repubblica” 12 aprile 2020)

  

    7giugno 2020

 

L’infezione COVID-19 è arrivata negli Stati Uniti mesi più tardi rispetto all’Europa e ad alcuni stati asiatici come ovviamente in Cina e poi Sud Corea e Iran. Quindi il presidente americano e l’establishment USA avevano tutto il tempo per prendere le giuste misure necessarie per fermare il più possibile la diffusione dell’infezione coronavirus.

Ma così non è stato. Oggi l’infezione Covid 19 è un disastro negli Usa: al momento sono più di un milione e mezzo gli infettati - che si prospetta potrebbero arrivare a più di 2 milioni - e i morti oltre 100.000 - che potrebbero arrivare a 150.000. Una vera debacle per Trump.

Il quotidiano “la Repubblica” del 12 aprile riporta che Anthony Fauci - considerato il miglior immunologo esperto USA, prima consulente di Trump, dai lui poi licenziato e poi ancora riassunto - afferma che molte vite avrebbero potute essere salvate se le restrizioni fossero state adottate prima”. Ma, continua “la Repubblica” il pensiero di fermare l’economia per Trump poteva essere decisivo per scegliere di non chiudere il paese”. In altre parole, il presidente americano sotto pressione degli industriali americani che non volevano (e non vogliono) perdere profitti, ha preferito ai primi arrivi del COVID-19 in USA, non adottare le giuste misure restrittive - come l’eventuale chiusura di fabbriche - ma ha sottovalutato il pericolo e lasciato quindi entrare e diffondere l’infezione, che si è poi trasformata nell’attuale situazione catastrofica.

E’ “Der Spiegel” nell’articolo del 7 aprile “Cosa dice Trump e cos’è la verità” che si incarica di evidenziare tutte le scuse, i pretesti, le motivazioni fasulle, portate dal presidente per giustificare il suo comportamento catastrofico così da favorire gli interessi capitalistici.

Così l’articolo di “Der Spiegel”:  “quando la malattia già a fine gennaio infuriava in Cina e minacciava di aggredire le altre nazioni, lui affermava che il suo governo aveva “la situazione completamente sotto controllo”. Alla domanda di un reporter, se aveva delle preoccupazioni riguardo una possibile pandemia, il 22 di gennaio diceva: “NO, assolutamente no”. E “Andrà tutto bene”. Poi affermava che la malattia in aprile “sparirà come un miracolo“»  Prosegue poi “Der Spiegel”: «E il 26 febbraio diceva: gli Usa hanno pochi casi. “Fra poco avremo solo 5 persone. E in poco tempo saranno solo due o una“».

Da queste affermazioni se ne deduce chiaramente che Trump già da subito, per non danneggiare gli interessi economici “nazionali” ossia dei capitalisti, abbia rifiutato di prendere in considerazione la gravità della situazione, nonostante la Pandemia fosse già esplosa e imperversasse in Europa.

 

Spiega poi “Der Spiegel” che Trump in seguito, a pandemia esplosa, per smorzare le più che naturali preoccupazioni e proteste che insorgevano, abbia diffuso notizie di avere un “fenomenale” farmaco che poteva fermare l’infezione: «”Mostra risultati molto buoni. Spero che sarà una cosa fenomenale”, ha chiarito Trump il 3 aprile nella prospettiva che il farmaco anti-malaria Hydroxychloroquin possa essere usato per la cura del Covid-19. Il 5 aprile ha poi detto di avere grossi segnali che funzionava» (“Der Spiegel” ibidem).  Ma su questo miracoloso farmaco Hydroxychloroquin l’esperto capo immunologo Fauci, allora consigliere capo dello staff di Trump, non era a ragione d’accordo: «Anthony Fauci ha sottolineato più volte che le evidenze dell’efficacia fino ad allora erano minime e anedottiche» prosegue “Der Spiegel”.   

Continua poi l‘articolo: «Ancora il 26 aprile Trump affermava: “E’ un po’ come una normale influenza, per la quale abbiamo i vaccini. Avremo anche per essa presto un vaccino”» … « Senza interruzione Trump ha diffuso la speranza di avere velocemente un vaccino a disposizione. “Sarà distribuito molto a breve” ha detto il 7 marzo. Gli esperti sostengono invece che il vaccino sarà a disposizione il prossimo anno» (“DerSpiegel” ibidem)

Anche questa tragica situazione americana - come da sempre ripetiamo – dimostra, è la prova come nella corrotta società capitalistica i governi e i politici siano sempre e inevitabilmente al servizio dei capitalisti. A volta in maniera molto evidente - come nel caso di Trump – ma molto più spesso in maniera subdola, nascosta, come i governi europei.  I quali, anch’essi sotto pressione dei capitalisti europei, per accontentare industriali e speculatori hanno anticipatamente aperto fabbriche e scuole (o le frontiere, come nel caso Italia) anche se  la pericolosissima infezione Covid-19 è ancora in espansione e non ancora sotto controllo, con esiti imprevedibili di ritorno della pericolosa malattia.

C’è da ricordare, sottolineare, che i governi borghesi nel passato, per portare ulteriori soldi ai capitalisti hanno ridotto al minimo i sistemi sanitari nazionali, sia in Europa che in America. E questo adesso è emerso violentemente nella pandemia Covid-19 dove i diversi sistemi nazionali nei vari paesi si sono dimostrati assolutamente insufficienti a curare la catastrofica infezione.

Il vero virus nella società è senz’altro il capitalismo, che non solo è causa di guerre, crisi, povertà, fame e distruzioni nel mondo, ma non può garantire neanche un sistema sanitario idoneo.

DIASPORA CAPITALISTICA  USA - NORD COREA

 

Come mai Kim Jong-un non compare più

sulle prime pagine dei giornali?

STORIA DI UNA PULCE

E IL GIGANTE

 

 

 

       28 gennaio 2021

 

Chi non ricorda quanto i media hanno parlato dello scontro tra Trump e il presidente nord coreano Kim Jong-Un  per la disputa sui lanci dei missili e l’arricchimento dell’uranio per una possibile bomba atomica nordcoreana? 

Senz’altro in tutti noi questo ricordo è ancora vivo.  

Adesso però questo scontro non appare più sulle prima pagine dei giornali.

Trump sembra non essere più interessato al comportamento dell “estroso” presidente nordcoreano, ai suoi test missilistici, al suo arricchimento di uranio. Eppure le riviste specializzate riportano che tutto questo in Nord Corea non è mai cessato e continua regolarmente a proseguire. Perché allora adesso questo silenzio dei media? Perché i giornalisti non si pronunciano più su un tema che ieri sembrava un enorme pericolo per il mondo intero?

 

Nel nostro giornale “Der kommunistische Kampf” del maggio 2017, nell’articolo “Quanto è effettivamente pericolosa la Corea del Nord” davamo la nostra interpretazione sull’allora infuocata discussa problematica.  

Nell’articolo spiegavamo come le varie fonti internazionali specializzate davano (e danno) al Nord Corea un PIL (la produzione economica nazionale) equiparabile più o meno a quello del comune di Berlino. In sostanza centinaia di volte inferiore al possente PIL Statunitense, primo al mondo. Quindi, guardando l’aspetto economico il Nord Corea si presentava (e si presenta) quasi come un “niente” rispetto al gigante economico nord americano primo al mondo. 

Se questa è la situazione economica, che pericolo può rappresentare quindi un “niente” (paragonabile ad una “pulce”) di fronte ad un gigante qual è l’America? era la domanda che ci ponevamo. E di seguito: che pericolo possono rappresentare 4 missili mal funzionanti (in fase sperimentale) nord coreani rispetto alle migliaia di bombe atomiche supertecnologizzate del gigante americano? … era sempre la nostra domanda.

La risposta non poteva che essere ovvia: nessuno!  Non rappresentano NESSUNO PERICOLO!

Allora: perché tutto questo baccano a livello internazionale su una tale questione insignificante?

La nostra interpretazione era (e rimane): la pulce nordcoreana veniva usata dal gigante asiatico cinese per distrarre il gigante americano.

 

Spieghiamo: il gigante asiatico cinese è in fase di trasformazione imperialistica e sta invadendo il pianeta con i suoi prodotti ad alto livello tecnologico attraverso “la Via della Seta”, entrando in forte competizione con le potenze occidentali industrializzate (Usa in primo piano). E per accompagnare e difendere la sua espansione economica mondiale, Pechino, come sempre avviene nel sistema capitalistico, sta aumentando vertiginosamente anche la sua spesa militare.   

La nostra tesi e interpretazione è, che a fronte di questo evento internazionale importante, di primo piano, il governo capitalista cinese per distrarre il pericoloso concorrente americano da questo futuro duro scontro concorrenziale e di potenza, ha usato la tattica di dirigere e concentrare l’attenzione USA (e mondiale) sulla presunta “pericolosa” pulce nord coreana (che dipende economicamente al 98% dalla Cina), affinché nessuno guardasse dall’altra parte, cioè la metamorfosi cinese di forte espansione nel mondo e forte militarizzazione.

Questa la nostra interpretazione della questione.

Se, come in una trama di film di spionaggio, questo trucchetto con il presidente americano Obama aveva funzionato - è sempre la nostra tesi – che aveva proclamato come “primo pericolo per gli interessi americani nel mondo” il “Nord Corea” (e il terrorismo), Trump sembra essersi accorto quasi subito della “trappola-diversiva” cinese-nordcoreana. E infatti poco tempo dopo il suo insediamento alla Casa Bianca, Trump nel suo famoso documento programmatico governativo “National Defense Strategy” 

del 2018, rigettava da subito come “primo pericolo”  l’esca nord coreana dichiarando invece ora come “primo pericolo per gli USA” “Cina” e “Russia”.

In seguito, visto che Trump (dopo un accordo di facciata con lo stesso Kim Jong-Un) non si è più interessato ai test missilistici nord coreani (anche se in pratica non sono mai stati sospesi e continuano tutt’ora - così come l’arricchimento dell’uranio) anche l’attenzione dei media è scemata e il “terribile” e “estroverso”  Kim è sparito dalle prime pagine dei media (e adesso appare la lotta di Trump contro  Cina e Russia).

In conclusione, parafrasando: “la pulce abbandonata dal gigante non fa più notizia”. Questa la nostra conclusione.

Lo scontro tra le borghesie talvolta è molto difficile da comprendere e molto ingarbugliato e le stampa e i politici dicono solo una parte di verità. Il metodo di analisi marxista ci può aiutare, oltre che nella lotta di classe, anche a capire questi eventi intricati.

 

 


 

________________________________________________________________________________________________________

 

 

 

 

Avevamo scritto questo articolo in gennaio 2020 dopo il vertice di Davos, per l’edizione di Aprile. L’attuale crollo delle borse ci ha sorprendentemente anticipati.

 

 

 

L’INSICUREZZA E L’INSTABILITA’ IMPROVVISA DEL SISTEMA CAPITALISTICO

SI POSSONO DORMIRE SONNI TRAQUILLI NELL’ATTUALE

SOCIETA’ CAPITALISTICA?   NO, SICURAMENTE NO.

 

 

    25 marzo 2020

Banche che erano sopravvissute ad una crisi economica generale, sono poi crollate nella crisi successiva; popolazioni di nazioni come Grecia, Spagna, Italia, che per decenni hanno vissuto un certo benessere, improvvisamente dopo il 2013 sono cadute in uno stato di crisi permanente con ribasso notevole del tenore di vita; enormi aziende storiche come la Lehman Brothers, oggi, dopo la crisi del 2008 non esistono più. Nel mondo capitalistico della concorrenza, degli affari, com’è evidente, niente può essere certo ne sicuro, tutto può improvvisamente cambiare e peggiorare o crollare.     

Engels, cofondatore con Marx del comunismo scientifico, già a metà dell’800 metteva in guardia che l’unica cosa sicura nel mondo capitalistico è  “L’INSICUREZZA”. Da allora a conferma di ciò, crisi, guerre, catastrofi a non finire si sono succedute senza sosta. E’ proprio quando meno te lo aspetti che una crisi arriva, con talvolta accompagnata disastri e anche guerre.

 

INSICUREZZA dunque. Un’insicurezza che non finisce mai nella società del profitto, se non abbattendo il profitto stesso, cioè il capitalismo. 

Le crisi quindi possono giungere in qualsiasi momento. E’ quello che (ancora una volta) diverse fonti internazionali stanno anche oggi pronosticando: una nuova crisi economica, ancor più violenta, si starebbe profilando all’orizzonte.

 

Nell’articolo dello Spiegel del 22 gennaio “La prossima crisi potrebbe essere massiva” , viene riportato come il Premio Nobel USA per l’economia Robert Shiller

durante vertice di Davos abbia messo l’accento proprio sul fatto che le condizioni economiche per un prossimo Crash sarebbero mature. Così premio nobel:  “Gli USA stanno vivendo la più lunga fase di crescita della loro storia. La domanda è: quanto durerà?”  E spiega come oggi le borse con le loro azioni speculative siano al massimo del loro valore, e che, secondo il suo parere, adesso non possono altro che crollare.  Spieghiamo in parole marxiste cosa l’economista intende: il capitalismo che non garantisce per niente la stabilità continua del benessere, è in una fase internazionale di crescita che è già durata più a lungo della solita media. Un fatto economico eccezionale. Quindi il senso del premio nobel è:  signori aspettiamoci la prossima ondata di crisi e caos.   

      Anche altre fonti con motivazioni diverse esprimono stesso parere. Per la Süddeutsche Zeitung nell’articolo del 27 agosto scorso “Si minaccia una prossima grande crisi finanziaria – e tutti stanno a guardare” la grossa

crisi finanziaria del 2008 che ha colto estremamente di sorpresa sia gli economisti, che i finanzieri che i politici, ha stimolato gli entourage governativi di mezzo mondo a cambiare regole finanziarie, statalizzare aziende, fondere banche e imprese per superare la crisi stessa e evitare che un’altra sopraggiungesse. Ma nonostante ciò, è il parere della Süddeutsche, un’altra crisi si starebbe per profilare. E il motivo risiederebbe, sempre per il giornale, nell’attuale aggressività politica ed economica internazionale del presidente americano Trump. 

      Anche la testata “FrankfurterRundschau“ nel suo articolo del 29 sett. 2017 “La prossima crisi arriva certamente” prevede un prossimo crollo finanziario

E nel sottotitolo ci tiene a ribadire, sottolineare, come il sistema capitalistico funziona: “… chi promette che il sistema è sicuro, racconta favole. Non esiste nessuna sicurezza”. Senza saperlo il capitalistico giornale esprime concetti simili al comunista Engels, già da lui chiariti nell’800.

Con questo articolo la testata, che elenca le recenti crisi di crollo delle borse del 1987, il crollo delle borse asiatiche del 1997 e infine la crisi finanziaria del 2008, è in polemica con il direttore della Banca Centrale americana, Janet Yellen, la quale promette che nessun altra crisi arriverà più. La “FrankfurtRundschau”, citando l’economista francese Patrik Artus, vede come causa e responsabile della prossima “inevitabile crisi” il “Settore Finanziario”, che con le sue note speculazioni nei prestiti agli stati e alle grandi multinazionali sarà cagione di un’altra situazione internazionale di crisi e caos.

Quindi, in sostanza tutti riportano lo stesso concetto: il capitalismo non pace e armonia, ma instabilità, crisi e caos.

       In sintesi – E’ il profitto, la concorrenza, sono gli affari, che rendono sistema capitalistico caotico e talvolta anche molto distruttivo. Tutto questo nella società socialista (che non è il falso socialismo dell’ex Unione Sovietica o ex DDR, dove vigeva il capitalismo, uguale come in Cina adesso) non succede. Perché nel socialismo il profitto, la concorrenza, affari e banche non esistono più.


Email

Visits

Social

Blog

Home